Il mago Covid fa sparire i cinesi da Barge…

Nessuno ne parla, ma tutti l ‘hanno notato : non si vede più un cinese in giro! Barge, città che ha visto incrementare negli ultimi anni la sua popolazione per la presenza stabile sul territorio di oltre 1500 cittadini di origine cinese, improvvisamente, da circa 10 giorni, non sa che fine abbiano fatto…
Sale giochi, bar,  attività commerciali di vario genere, ma soprattutto lavoratori nel reparto della pietra dove con bravura ed enorme attenzione e precisione preparano  i vari manufatti per le costruzioni edili, rivestimenti, pavimenti e quant’altro serva in questo settore.
Persone, o meglio, intere famiglie che nel corso di questi anni si sono trasferite ed integrate con la popolazione Bargese.
Mandano i loro figli a scuola per imparare bene l’ Italiano, ma anche la nostra storia, le nostre tradizioni ed usanze con la proverbiale tolleranza che è nel loro DNA.
Nessuno si lamenta di loro, poiché hanno ben accettato le nostre regole e vi si attengono senza disturbare o reclamare, e soprattutto non “rubano” o delinquono, attenendosi ai loro codici esistenziali ed ereditari che non ammettono comportamenti che possono danneggiare le persone altrui.
Ebbene, indicativamente, dalla data in cui hanno chiuso le scuole, tutti i cinesi sono spariti. Educati e rispettosi rimangono chiusi in casa e forse ci insegnano che con un po’ di pazienza si supera ogni avversità… Basta sedersi di fianco al fiume…
RIBODINO MANUELA

Leggi anche: Covid-19 e USA, come lo sfruttano per lo spionaggio