Emergenza Coronavirus: il videomessaggio di Conte

Il videomessaggio di Conte su Facebook è molto chiaro: “Quella del Coronavirusa è una sfida che non ha colore politico. Si tratta di una sfida che richiede il supporto di tutta la nazione. Ognuno deve fare la sua parte”.

Il premier accenna anche, supportando le parole di Bersani nella trasmissione “Accordi e Disaccordi” su NOVE, all’efficacia e alla tempestività delle misure adottate dal governo in materia di prevenzione del contagio. “Quando avevamo solo due casi – dice Conte – abbiamo subito attuato misure per prevenire la diffusione del contagio”.

La linea adottata dal governo, a detta del premier, è una linea molto trasparente. “La verità è l’antidoto più forte, è il primo vaccino di cui dotarci. Siamo sulla stessa barca – aggiunge acora Conte – chi ha il timone ha il dovere di indicare la rotta all’equipaggio. Ecco il video completo.

La grandissima parte delle persone contagiate guarisce molto bene.

Perchè porsi tanti problemi?

In caso di crescita esponenziale del contagio l’Italia, e nessun paese al mondo, sarebbe in grado di offrire cure a quella piccola percentuale di contagiati (che sul totale sarebbe un grande numero) che richiede assistenza continua. Il numero di posti letto e gli spazi e le risorse umene dedicate alla terapia intensiva sono limitati. Per questo motivo non possiamo permetterci un contagio furoi controllo.

Il ministro della salute speranza ha già dato ordine di aumentare del 50% la disponibilità nazionale di spazi e attrezzature per la terapia intensiva e del 100% dei posti per la terapia subintensiva. “Nonostante gli sforzi non è possibile potenzire la struttura ospedaliera in breve tempo” – dice Conte – “il nostro primo obiettivo e quello di contenere e rimandare il contagio, per farlo dobbiamo lavorare insieme”.

L’Europa deve venirci dietro e sostenere i nostri sforzi, questo sicuramente. siamo stati colpiti ma ritorneremo più forti di prima, ce lo insegna Genova. E’ chiaro il videomessaggio di Conte

LEGGI ANCHE: Le parole di Bersani sul Coronavirus